12-13 NOVEMBRE: GIULIO VER PER IL MALAWI

News 30 Ottobre 2022

«Ti stupisci che gli altri ti passino accanto e non sappiano, quando tu passi accanto a tanti e non sai, non t’interessa qual è la loro pena, il loro cancro segreto?»  Con queste parole Cesare Pavese descrive mirabilmente come il ripiegamento su noi stessi ci renda indifferenti nei confronti degli altri. Presi dalle nostre preoccupazioni, assordati dai nostri pensieri, non ci accorgiamo delle storie silenziose che camminano sulle gambe di persone spesso miti e riservate. Non ce ne accorgiamo, fino a quando non andiamo loro incontro: o forse, sono loro che vengono incontro a noi. 

(Chiara Spinelli)

La vera storia di Giulio Vercellini, pittore olgiatese scomparso nel 2015, si rivela solo dopo la sua morte, per forte volontà della famiglia. Dopo due mostre organizzate nel 2016 e nel 2018 e l’uscita del libro “Io scelgo la tela” (Laura D’Incalci e Luigi Cavadini), ora siamo noi di Koiné a portare avanti questo incredibile racconto.

Giulio avrebbe voluto dedicarsi all’arte fin da ragazzo, ma le necessità familiari lo hanno portato ad una professione diversa. E tuttavia, pur nella fatica e nell’incomprensione quotidiane che hanno caratterizzato la sua esistenza, Giulio è stato capace di coltivare la sua passione, approfondendo una ricerca artistica incredibile, quasi unica, che lo ha portato alla rivelazione della luce.

Questa stessa luce noi vogliamo portarla in Malawi, ai ragazzi del distretto di Thyolo. 

Nelle civiltà africane la conservazione e la trasmissione del sapere è avvenuta, di generazione in generazione, prevalentemente attraverso la letteratura orale tradizionale. E’ in questo contesto che si inserisce oggi la necessità di nutrire il tradizionale sapere di nuove occasioni di studio, di approfondimento e di dibattito interculturale, nella consapevolezza che ogni cultura, nella sua originalità, si rivela capace di favorire una crescita umana e spirituale equilibrata, in grado di tessere una rete sociale rispettosa e solidale.

I quadri di Giulio, e il libro che racconta la sua vita, verranno devoluti a fronte di un’offerta che contribuirà alla realizzazione di una bibliomediateca presso la Yenda Nursery School gestita dall’Associazione SottoSopra.

La sala della guest house verrà resa funzionale per letture, studio, confronti e dibattiti e messa a disposizione degli studenti delle scuole superiori e universitari, sia del distretto che dei villaggi rurali limitrofi.

Questo progetto mira a stimolare la consapevolezza di cosa significa essere cittadini e sviluppare una convivenza civile attraverso la condivisione di conoscenze, valori e principi, ponendo l’accento sul ruolo che ogni giovane può svolgere nella sua quotidianità, con scelte di vita consapevoli, azioni di volontariato e un’informazione attenta e priva di stereotipi.

Trovate qui sotto tutti i dettagli sulla mostra, e sulla presentazione del libro con i due autori, Laura D’Incalci e Luigi Cavadini.

Vi aspettiamo!

Snack salati dal carc… 17 Ottobre 2022 TANTI AUGURI KOINE… 8 Novembre 2022