Vecchia Orsa: la birra non è mai stata così buona

News 4 ottobre 2016

Ottobre è il mese della birra, anche da Koinè! Se a Monaco di Baviera l’edizione 2016 dell’Oktoberfest si è appena conclusa, presso la nostra Bottega la festa continua con Vecchia Orsa.

Il Birrificio artigianale Vecchia Orsa nasce nove anni fa nel podere “Orsetta Vecchia” di Crevalcore, nel Bolognese, da un’idea della Cooperativa Sociale FattoriAbilità Onlus. I soci hanno infatti trovato nella produzione di birra artigianale un modo concreto di inserire persone con handicap nel mondo lavorativo, creando nuove formule di organizzazione del lavoro e di formazione professionale. Il progetto si sviluppa con successo: i magazzini, gli ambienti e la produzione si ampliano, ma il terremoto del maggio 2012 rende inagibili le strutture e impone l’arresto di ogni attività. La solidarietà, però, non tarda a farsi sentire e dopo pochi mesi il birrificio torna a produrre nella nuova sede di San Givanni in Persiceto.

«La forza dell’attività sta nella costituzione di gruppi misti dove tutti i lavoratori, “normodotati” e “svantaggiati”, operano con eguale dignità e senso di appartenenza», scrivono i soci di FattoriAbilità. Tale forza si traduce in prodotti di eccellente qualità, premiati con importanti riconoscimenti nell’ambito della ristorazione italiana: dapprima “Birra dell’Anno 2012” per la speziata Utopia, poi la Chiocciola Slow Food nel 2015. Inoltre Vecchia Orsa produce Biolca, la prima birra biologica certificata dell’Emilia Romagna.

Quanta storia in un sorso

La birra è una bevanda di origini antichissime: basti pensare che era prodotta e apprezzata già dalle civiltà mesopotamiche. Gli ingredienti, semplici e genuini, hanno come protagonista indiscusso l’orzo, da cui si ricava il malto nelle sue diverse varietà. A questo si aggiungono l’acqua, il luppolo, eventuali altri agenti aromatizzanti e – soprattutto – il lievito, che permette la fermentazione del preparato. La fermentazione può essere di tre tipi: spontanea, bassa o alta, a seconda della temperatura a cui avviene. Il risultato è la birra… o meglio, le birre! Esistono infatti tantissimi stili birrari, caratterizzati da diversi colori, aromi e tenore alcolico: Vecchia Orsa ne propone una selezione per tutti i gusti. Dalla bionda Aurora alla esotica Rajah, fino alla misteriosa Tenebra.

Per degustare al meglio la birra – che ricorda, è un prodotto vivo – conservala in un luogo areato, asciutto e a temperatura ambiente. Versala in un bicchiere pulito, privo di residui, e gustala con un buon pasto in compagnia. Una volta stappata la bottiglia consumala in tempi brevi, ma sempre bevendo responsabilmente: in rispetto per te e per chi si impegna con passione nella produzione di questa speciale bevanda dal retrogusto sociale. Detto ciò, mano ai boccali e… Salute!

 

Equo, solidale e… b… 29 settembre 2016 biologico_equo poverta-1 Povertà zero: l̵… 14 ottobre 2016